Hotel Mirabeau

Contatti

Via Provinciale, 79, Civenna di Bellagio Co

Da Brunate al Monte Piatto

01

Facile camminata a mezza costa con partenza da Brunate e arrivo a Torno. Da Torno si
rientra a Como con il bus o con i battelli che fanno servizio nel primo bacino del lago tutto
l’anno.
ITINERARIO: Brunate – Monte Piatto – Torno
DURATA TOTALE ORE: 2.30
DISLIVELLO: 400 m. (discesa)
DIFFICOLTÀ: facile. Sentiero prevalentemente in piano ma disagevole nella prima parte. Sconsigliato
in caso di maltempo. In discesa da Monte Piatto a Torno mulattiera gradonata
SEGNAVIA: cartelli indicatori lungo tutto il percorso
COLLEGAMENTI: per Brunate Funicolare in partenza da piazza De Gasperi (Lungolago di Como)
ogni 30 minuti.
Da Torno a Como battelli e autobus C30/31/32
PERCORSO: da Como si sale a Brunate con la funicolare in partenza dal lungolago. Le vetture compiono
la salita in 7 minuti circa.All’arrivo si scendono le scale della stazione e si imbocca verso destra
via Roma, fiancheggiata da leziose ville che risalgono ai tempi della fortuna turistica di questa località:
ci si imbatte in Villa Pirotta (Federico Frigerio, 1902), nelle Tre Fontane con il bassorilievo pubblicitario
della Campari degli anni Trenta. Si piega a sinistra in via Nidrino passando davanti allo Chalet
Sonzogno (1902). Lasciando a destra via Monte Rosa si scende al campo sportivo. Oltrepassato il
campo da calcio, sulla destra si imbocca un sentiero in leggera discesa segnalato come Strada Regia.
Si raggiungono i Monti di Blevio, si lascia la Strada Regia che scende a Capovico e si prosegue diritti,
in piano, fino ad arrivare ai Monti di Sorto (55min). Salendo pochi gradini vi è un pianoro con
una cappelletta e una fontana, che gode di una discreta vista e si adatta perfettamente ad una piccola
sosta di ristoro.
Si prosegue in piano lungo un prato, si passa una valletta e si giunge ad un altro agglomerato di case.
Si prosegue lungo la stessa via attraversando
un’altra insenatura, poi tra
le case deiMonti di Cazzanore (1h
15′), dopo una leggera curva a destra,
si trova l’unica biforcazione del
percorso: si sale a destra fiancheggiando
alcuni edifici in disuso, si
entra in un’altra piccola valle dove si
inizieranno ad intravedere nella boscaglia
le prime case di Monte
Piatto. Raggiunta la mulattiera proveniente
da Torno (1h 30min), si gira
a destra e dopo pochi gradini in salita,
si arriva in paese dove si trova
anche il Crotto Montepiatto, risto-
1
Funicolare Como-Brunate
rante tipico con cucina locale.
Meritano una visita sia la chiesa di S.
Elisabetta, per il notevole panorama,
che la Pietra Pendula, un grande masso
erratico che appare come in bilico precario
su di un altro sasso più piccolo
(10min – indicazioni).
Per scendere a Torno, da Monte Piatto,
si può scegliere tra una carrareccia ed
una mulattiera a gradini. Il tempo di
percorrenza è lo stesso, circa 1 ora.
Chi volesse camminare ancora, prima
di scendere a lago da Montepiatto può
seguire la strada per Piazzaga (15min), piccolo borgo con un crotto e una cappella. Si scende poi a
Torno lungo una bella e curata mulattiera.
Per il rientro, da Torno, si può scegliere tra gli autobus che passano sulla provinciale ed i battelli che
attraccano nella bella piazza-porto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *